League of Legends – Campione: Jhin

aggiornato: 14.10.2019 23:03, Patch 9.20.1

Tutte le pelli da Jhin

Incantesimi di Jhin

Jhin ADC

Ordine di abilità

1. Q
2. W
3. E
4. Q
5. Q
6. R
7. Q
8. W
9. Q
10. W
11. R
12. W
13. W
14. E
15. E
16. R
17. E
18. E

oggetti

Rasoio della tempestaStivali della rapiditàArchibugio a ripetizioneFrammento d'infinitoAngelo custodeLa Bramasangue

Inizia oggetti

Lama di DoranPozione di salute

Runes

PrecisionePiede lestoTrionfoLeggenda: AlacritàColpo di graziaStregoneriaCeleritàTempesta incombenteVelocità d'attaccoResistenza magicaRidimensionamento della salute

Incantesimi evocatore

FlashGuarigione

statistica

  • 49.52%

    Tasso di vittoria

  •  
  • 6.71%

    Play Rate

  •  
  • 0.19%

    Tasso di divieto

  •  

Consigli quando giochi contro Jhin:

  • Florilegio letale blocca solo chi è stato colpito negli ultimi 4 secondi da un attacco base, trappola o alleato di Jhin.
  • Jhin piazza trappole invisibili sulla mappa. Occhio a dove metti i piedi!
  • Gli attacchi di Jhin sono piuttosto potenti, ma termina le munizioni dopo il quarto colpo. Usa questa finestra di opportunità per attaccarlo e distruggerlo.

Suggerimenti durante il gioco Jhin:

  • Florilegio letale ha una portata incredibile. Quando stai per entrare in un combattimento controlla l’eventuale presenza di nemici bloccati.
  • La tua suprema infligge molti meno danni ai nemici che hanno la salute al massimo. Cerca di colpire i bersagli indeboliti mentre fuggono.
  • Mentre ricarichi puoi comunque lanciare le tue abilità. Usale per impiegare il tempo di ricarica.

La storia di Jhin:

Jhin è un criminale psicopatico e meticoloso che vede la morte come un’opera d’arte. In passato fu prigioniero dal popolo di Ionia, ma fu liberato da uomini misteriosi appartenenti al consiglio decisionale di Ionia, diventando l’assassino della congrega. Usa la sua arma come pennello per creare opere artistiche dalle sfumature brutali, terrorizzando le sue vittime e gli spettatori. Avverte un perfido piacere quando sale sul palcoscenico del suo teatro degli orrori, l’occasione ideale per mandare uno dei suoi messaggi più forti: terrore.